Tennis: Jimmy Connors, la scommessa diventata Jimbo il Fighter (Parte 1)

jimmy connors

Continua la nostra rubrica sui campionissimi del tennis, perché come già detto in precedenza, www.scommesse-nonaams.com, non è solo calcio, scommesse sportive, quote online e casino online, ma è anche news e approfondimenti sugli sport più seguiti nel mondo.

Jimmy Connors

“Ho sempre giocato per vincere. Perdere mi faceva male. Sono sempre stato ostinato a voler essere il migliore”. L’inclinazione di Jimmy Connors nei confronti del tennis professionistico non lascia spazio altre interpretazioni. Lo sport aiuta a dominare la paura, a sopportare la fatica, a vincere sulle difficoltà. Jimmy Connors è andato oltre. Si è creato nemici immaginari. Aveva bisogno di caricarsi, dando sempre l’impressione di concepire il campo da tennis come se fosse un ring al centro di un’arena, dove la gente era lì a puntare le proprie scommesse sul suo gladiatore. È salito sull’Everest del tennis, vincendo 109 trofei in carriera, direi sicuramente una scommessa sportiva più che vinta, oltre ogni tipo di quote online. È riuscito a rimanere numero uno al mondo per ben 5 anni consecutivi, dal 1974 al 1978, resistendo nei top ten per addirittura sedici anni, rispettando i pronostici di inizio carriera.

Connors è stato uno dei più grandi fighter di sempre con una concezione del gioco come fosse una guerra. Da solo contro tutti. Litigando, a volte, contro i suoi avversari e spesso, con il pubblico e vari giornalisti. La forza di Jimbo, così era soprannominato nel circuito, è stata proprio questa: essere un lottatore indomito nel carattere, capace tre prove dello stesso Slam su quattro nel 1974. Alla base dei suoi successi la mamma, Gloria, che era stata una buona tennista anche a livello nazionale. A quattro anni già allenava il figlio sul campo da tennis fatto costruire in casa. A raddoppiare le dosi quotidiane di allenamento anche la nonna, a suo tempo anche lei giocatrice. Insomma, una famiglia di atleti, quindi facile scommettere su un risultato sicuro. Fino a sedici anni la mamma lo ha sempre seguito in prima persona, con disciplina e severità, alimentando giorno per giorno quell’obbiettivo familiare di conquistare il mondo. Quel suo fuoco interiore proseguì anche con il coach Pancho Segura, bravo anche a capire che, nel passaggio dal legno alla grafite, la mitica racchetta Wilson T 2000 sarebbe stata l’ideale per quel gioco così diverso da tutti gli altri. Talmente diverso da far sentire ormai superato anche il gioco di un campione come Ken Rosewall. L’australiano, che aveva vinto otto slam e 108 tornei dominando insieme a Rod Laver e ai grandi australiani del circuito.

Di fronte al rovescio di Connors, però, anche lui fu costretto a piegarsi perché la potenza dell’americano era superiore: con Connors nasceva la categoria dei grandi attaccanti da fondo campo. Pensate come sarebbero impazzite le quote online all’epoca per le vostre scommesse online.

Non a caso, nel primo anno negli Slamdi Jimbo, 1974, Rosewall fu costretto a cedere nettamente per due volte: finale a Wimbledon 6-1, 6-1, 6-4 e poi in finale agli US Open 6-1, 6-0, 6-1. Anche se, a scusante parziale di Rosewall, arrivò a giocarsi quelle due finali a 40 anni. Cedette dunque alla nuova stella del circuito mondiale giocando ad altissimo livello fino a 4° anni anche lui.

Quel magico 1974 per Connors, oltre alle vittorie a Wimbledon e US Open, aveva portato anche il trionfo agli Open d’Australia. Avrebbe vinto anche il Rolland Garros, vista la superiorità in quell’anno su tutti, ma la sua iscrizione non venne accettata dall’ITF per un contratto firmato con il World Team Tennis, un circuito a squadre statunitensi, non gradito allora dai dirigenti francesi. L’esclusione dagli Open di Francia gli precluse la possibilità di poter centrare il Grande Slam, come da pronostici. Ma l’era Connors era comunque scattata in quel 1974.

Fonte “Le leggende del tennis” Angelo Mangiante.

To be continued…

Non perdete il seguito di questo affascinate racconto, oltre a tener d’occhio le vostre scommesse sportive online, con le migliori quote online presenti sui nostri siti, senza dimenticare tutta la sezione dedicata al casino online con bonus benvenuto ai massimi livelli.

Ti piace? Condividi con i tuoi amici
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su telegram
Telegram

Ultime News

qatar stadi
Qatar 2022, boom scommesse da 150 milioni
nazionale qatar
Nazionale del Qatar, informazioni e scommesse non aams
qatar 2022
Mondiali Qatar 2022, programma e quote online
camicia nera1
Mondiali in camicia nera (seconda parte)
edberg1
Tennis: Stefan Edberg, il gentiluomo svedese
Scommessa del giorno
22 Novembre 2022
Argentina - Arabia Saudita
Segno: 1Quota: 1,17
Danimarca - Tunisia
Segno: 1Quota: 1,48
Messico - Polonia
Segno: XQuota: 3,00
Francia - Australia
Segno: GolQuota: 2,20
Quota Finale 11,49
VAI ALLA SCHEDINA
Scommetti con le migliori quote